Challengiamo và

copertinaCarissimi lettori,

dal momento che ultimamente ho davvero trascurato il blog, vuoi per mancanza di tempo, vuoi per mancanza di ispirazione (quanto cavolo odio il blocco dello scrittore) ho accettato di accogliere la sfida trovata sul blog Progetto Felice. Dunque, avrò finalmente ogni giorno qualcosa da scrivere e l’idea mi piace, perché a volte ho solo bisogno di sfogare tutto su questa tastiera!

30-day-writing-challenge

Okay. Iniziamo a stilare le 10 cose che mi rendono davvero felice.

  1. Scrivere. Che sia su questo blog o per il giornale o per me stessa nel mio diario, scrivere mi rende felice. E’ un bisogno che sento di dover soddisfare spesso. Questa sera non avevo previsto di scrivere qui sopra( in teoria avrei dovuto studiar). Invece no, oggi è stata una giornata un po’ strana e ho sentito il bisogno di mollare tutto e scrivere. A volte mi capita nei momenti più impensati. Mentre sto per andare a letto, mentre sono nel bel mezzo di qualsiasi cosa, lascio tutto in sospeso e inizio a scrivere. Mi capita che sto spolverando la camera, mi fermo e dico “scriviamo và”, oppure che inizio a ripetere un argomento per l’esame e come un automa mi alzo, prendo il diario e inizio a scrivere. Anche due righe di sfogo, devo scriverle. Ora sto prendendo l’abitudine di avere un’agendina accanto a me , in cui scrivo di tanto in tanto qualcosa: che sia ciò che devo fare durante la giornata o una semplice frase di canzone.
  2. Andare in palestra. Ok. FERMI TUTTI. Io sono la persona più pigra del mondo ma quell’ora dedicata a me stessa mi piace. Mi concentro solo sul mio corpo, la testa si svuota e il corpo si stanca. E’ un altro modo per sfogarmi e per me che sono sempre piena di paranoie, emozioni accumulate e roba varia mi serve TROPPO.
  3. Prendere un caffè con le mie amiche. Andare a un bar, stare seduta tra l’odore di cornetti e roba varia, chiacchierare di qualsiasi cosa (io di solito sono la più chiacchierona: parlo a raffica e non respiro neanche), bere un sorso d’acqua, poi il caffè, chiacchiere chiacchiere chiacchiere.
  4. Creare atmosfere. E che vor dì? Direte. Mi piace creare atmosfere come se stessi in un film. Per intenderci: qualche giorno fa ho invitato la mia migliore amica a casa per un tè. Io ero tutta in trepidazione per come organizzare il tavolino: ho preso il servizio di porcellana di mamma con teiera e tazzine, ho scelto con cura i biscotti, il tè, il tutto su un vassoio a strisce azzurre e bianche. Oppure, se devo scrivere mi piace avere lo smalto perché mi fa sentire molto “come nei film”, o se leggo mi piace creare l’atmosfera da lettrice plaid-tazza di tè- camino- libro con copertina rossa- lampada accesa.
  5. Leggere. E che te lo dico a fare. La lettura è il mio must, il mio ritrovo, il mio angolo di respiro.
  6. Studiare. Magari non quei giorni che precendono l’esame, ma in generale mi piace studiare. La letteratura, lo studio della letteratura, i critici sono cose che mi affascinano troppo. A volte mi vien troppo da ridere a ritrovare cuori agli angoli delle cose studiate quando un’osservazione mi è piaciuta particolarmente.
  7. Concedermi dei momenti da sola. In Inghilterra, lontano da casa, mi capitava spessissimo di stare sola ed era una cosa che adoravo. Entrare nei negozi e soprattutto nelle librerie da sola era una cosa che mi concedevo più volte la settimana. Uscivo per una passeggiata, un giro in centro, senza connessione wifi, e ero nel paradiso. Qui non mi capita molto spesso ma mi succede di godermi il caffè di prima mattina nel silenzio assoluto, o di andare all’università e non trovare nessuno che conosca. Non mi dispiace. Mi trovo un posticino nel chioschetto e inizio a leggere.
  8. La domenica, dopo pranzo, con la mia famiglia. Ecco. Questa è una cosa alquanto singolare: la domenica è una noia mortale, ma il momento dopo pranzo è qualcosa che mi fa sorridere il cuore. Quando in salone c’è ancora l’odore di cucina, mio padre si lamenta della tv spazzatura e mamma dice che mangerebbe un dolcetto. Quando ci coccoliamo, parlottiamo, ci prendiamo in giro. Sento il calore di casa.
  9. Viaggiare. E’ uno degli equivalenti della felicità. Per me non esiste niente di più appagante (oltre a scrivere e leggere) del viaggiare. Scoprire luoghi nuovi, visi nuovi, accenti nuovi…dico sempre che se fossi ricca spenderei tutti i miei soldi in viaggi.
  10. L’inglese. Che devo fà, è il mio debole. Per me ascoltare una canzone equivale a leggere la lyrics e sentire come il cantante pronuncia le parole . Da un po’ di tempo vago spesso su youtube e ascolto recensioni di booktubers inglesi. Scrivere in inglese è cosììììììì affascinante. Con una mia grandissima amica canadese, conosciuta in erasmus, scrivo più o meno ogni giorno in inglese, ci mandiamo audio etcetc e non posso fare a meno di notare quanto molto spesso riesca a rendere benissimo un concetto sebbene sia in una lingua diversa dalla mia, a volte mi riesce persino meglio!

Bene! Ecco a voi la mia list delle 10 cose che mi rendono felici. Vi invito a farla, magari non cambiando le immagini e linkando il blog come ho fatto io. Vi fa quasi sentire bene scrivere di sole cose positive 😀

A domani con un altro argomento! 🙂 Buonanotte.

Annunci
Posted in Tag

9 thoughts on “Challengiamo và

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...