Una persona che ti ispira #WritingChallengeday4

copertina

Eccoci già al quarto giorno del Writing Challenge! Oggi devo scrivere di una persona che mi ispira.

E’ stato difficile per me scegliere, nel senso che io mi lascio ispirare da tutti quelli che vedo migliori di me, sempre pronti a fare e a mettersi in gioco, ma dovendo scegliere una sola persona, credo mi sia d’obbligo scegliere Kate. Mia migliore amica, conosciuta in primo liceo, Kate è la rappresentazione della felicità delle piccole cose.

Dire che siamo state amiche fin da subito o che io ricorda come lo siamo diventate, sarebbe una bugia. Ricordo che eravamo nello stesso gruppo di amiche, che parlavamo spesso sull’ormai tramontato MSN, che condividevamo le ansie delle interrogazioni di matematica nello stesso modo in cui condividevamo la semplicità, il nostro essere fondamentalmente due bambine che si trovavano già al liceo tra molti che giocavano a fare i grandi. Poi abbiamo iniziato a sederci vicino in pullman per le gite, poi a vederci qualche volta il pomeriggio, poi a dirci qualche segreto, a trovarci vestite uguali a una festa tanto che iniziammo a chiamarci “gemelline” (tutti hanno passato il terribile periodo di appellativi dementi…vero?). Ma è stato solo verso il terzo, quarto anno di liceo che siamo diventate veramente amiche. Amiche al punto tale che davvero conosceva e conosce ogni parte di me, quella da yogurt scaduto, come dice lei in riferimento alla mia acidità, quella da goffa in palestra, in discoteca, nella vita, e quella da ipermega sensibile. Ed io, nel frattempo, ho conosciuto lei. Lei che dopo sei anni è innamorata del suo ragazzo come fosse il primo giorno, lei che già a quindici anni non chiedeva soldi ai genitori per i regali a tiziocaioesempronio ma li racimolava qui e lì dai suoi risparmi e che oha lavorato di giorno e studiato di notte e la mattina presto e in pausa pranzo perché “altrimenti la specialistica me la posso pure sognare”. Lei che si prende cura di me neanche fosse mia madre, quando mi dice di coprirmi bene se esco sudata dalla palestra, di studiare per l’esame, di mangiare un po’ più di proteine, di mettermi la crema in viso ché ho la pelle secca. C’è un detto che dice “nessuno ti dice “lavati la faccia così sembrerai più bello di me””. Kate lo fa. Kate non è soltanto quella che sta con me nei momenti di bisogno, ma soprattutto nei miei momenti di felicità, ed è difficile trovare persone del genere. Il suo è un bene totalmente disinteressato, è davvero il tipo di persona che è felice se tu sei felice e che ho visto star male se io stavo male. Ed è per questo che la considero “la mia ispirazione”: perché non è che la sua vita sia rose e fiori, anzi, sul piatto della bilancia io non ho bisogno di lavorare per mantenermi gli studi, lei sì, io non ho bisogno di stare lontana dalla mia famiglia per lavorare, lei sì. E tuttavia ha una grinta, una forza che attinge dal godersi le piccole cose. Una pizza, una giornata di sole, una rosa comprata dal pakistano le bastano per essere felice, per avere grinta, per non essere invidiosa di te. L’essere di Kate è il suo FARE, fare, fare. Studiare, lavorare, andare in palestra, divertirsi, rilassarsi, amare in maniera smisurata qualsiasi cosa le sia intorno. Non che non abbia anche lei i suoi momenti di crisi, ma li affronta sempre con determinazione. Si pone un obiettivo e fa il massimo, veramente il massimo per raggiungerlo.

Ricordo che nel bus da Napoli a Nizza (cosa non si fa per le gite di quinto liceo), riuscì a fare circa duecento foto. Duecento foto di paesaggi catturati velocemente dal finestrino, o di me che dormivo o cantavo o nonsocosa accanto a lei. Duecento foto di colline, pianure, animali che pascolavano e che lei puntualmente osservava, sorrideva e esclamava ripetutamente (tant’è che io iniziai a prenderla in giro) “Com’è bella la vita!!!”

Con lei sì, lo è sicuramente di più.

A domani per un nuovo Writing Challenge 😀 (e non smetterò mai di dire che dovete provare questa cosa!!)

30-day-writing-challenge

 

Annunci
Posted in Tag

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...